Il sito di Acilia TIM si trova alla periferia di Roma

Le server farm non sono, ovviamente, tutte uguali: ma cosa significa TIER IV data center? Quali sono gli standard? Per un’azienda che progetta di migrare verso il cloud, non è facile capire le differenze tra le infrastrutture dei diversi fornitori di servizi cloud e, soprattutto, l’impatto che queste differenze possono avere sul proprio business.

Un certo numero di organizzazioni indipendenti che definiscono parametri oggettivi che facilitano il confronto sono in grado di aiutare. Una delle più autorevoli è l’Uptime Institute, che divide i data center in quattro livelli (TIER) sulla base di un criterio che, come suggerisce il nome, è legato alle caratteristiche dell’infrastruttura e della business continuity.

In base a questa classificazione, i Data Center TIER IV (il livello più alto di certificazione) sono caratterizzati da requisiti molto stringenti che includono, tra gli altri, la completa tolleranza ai guasti, la presenza di due percorsi di distribuzione dell’energia elettrica attivi contemporaneamente e la possibilità di effettuare operazioni di manutenzione a caldo.

I Data Center in Italia certificati da Uptime Institute per soddisfare i requisiti TIER IV si contano sulle dita di una mano.

Uno di questi è il Data Center TIER IV di TIM Business ad Acilia.

Massima garanzia di sicurezza e affidabilità
Il Data Center TIER IV di Acilia è la server farm di TIM progettata e realizzata ai massimi livelli di affidabilità e sicurezza. Si estende su un’area complessiva di 3500 metri quadrati di spazi attrezzati che consentono di ospitare fino a 1600 rack, di cui 90 ad alta densità. Le aziende possono scegliere tra spazi standard con un assorbimento massimo di 1000 W/m2 o spazi ad alta densità che supportano un assorbimento fino a 5000 W/m2.
L’altissima affidabilità, garantita da sistemi di continuità, protezione dei cavi, sistemi di sicurezza e molto altro, permette a TIM di offrire Service Level Agreement che garantiscono una disponibilità del 99,995% (un massimo di 26 minuti di fermo macchina per anno ammissibile).
Per quanto riguarda i livelli di protezione, il DC Tier IV, rispetto agli altri Data Center, crea copie programmate dei dati, le invia ai siti remoti tramite la rete e gestisce il ripristino dei server.

Il Data Center di Acilia è inoltre certificato secondo la norma ISO 27001, lo standard internazionale che definisce i requisiti di sicurezza logica, fisica e organizzativa di un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni.

Le misure di sicurezza a livello fisico del Data Center TIM comprendono un sistema di videosorveglianza integrato, sensori di intrusione perimetrali, vetri blindati e una guardia giurata armata presente 24 ore su 24. Inoltre, l’edificio è progettato per essere protetto da disastri sismici, energetici e idrologici.

Per la massima protezione dei dati, vengono utilizzate apparecchiature per la gestione automatica dei backup, che vengono monitorati continuamente 365 giorni all’anno; la presenza di una cella di sicurezza ignifuga per la conservazione sia dei dati che delle apparecchiature di backup fornisce un ulteriore livello di protezione.

0
Inserisci un commento.x
()
x